Medium, attrazione fatale…

Sono attratto da Medium e allo stesso tempo mi dico “lascia perdere hai già il tuo spazio per scrivere… dopo non riesci a scrivere per tutti e due!”

Mi sforzo di non aprire l’applicazione dal Tablet. Leggo volutamente articoli non proprio favorevoli a questo nuovo fenomeno dei Social Blog, così come quelli contrari a scrivere sia sul proprio Blog che su Medium… ma poi, non so per quale strana forza di attrazione, mi ritrovo nuovamente su Medium a leggere i nuovi articoli e con una voglia matta, benché non sia un granché a scrivere, di pubblicare un mio articolo. Si, proprio qui!

Si perché ho già il mio Blog personale in cui scrivo di Fotografia, in particolare di Fotografia microstock, e dell’utilizzo avanzato di Adobe Lightroom. Ma forse trattando un argomento di nicchia, così dicono quelli che sanno, non è il caso di mischiare con altri argomenti.

E forse la verità sta proprio in questo.
Il blog deve, per forza di cose, contenere solo articoli dell’argomento che ti sei prefissato di approfondire e ogni altra cosa disorienterebbe chi lo visita. Così come i motori di ricerca potrebbero non premiare.

Almeno credevo fosse così!

In realtà è così se ce ne freghiamo altamente se il nostro Blog sia visitato o meno da tante persone e che i motori di ricerca ci indirizzino traffico… ma se nessuno legge quello che scriviamo a cosa serve dedicare tempo, appunto, a scrivere nuovi articoli e a mantenere in piedi tutto il sistema?

E allora Medium torna in ballo!
Potrei utilizzarlo per scrivere di tutti quegli argomenti non in target con il blog. Di volta in volta, se il contesto dell’articolo lo permette, inserire link verso il Blog personale così da dare la possibilità a chi ci legge di approfondire quanto trattato su di esso e, allo stesso tempo, generare nuovo traffico.

Aprire un nuovo blog richiede altro tempo da dedicare alla gestione che, alla fine, porterebbe via risorse al blog attuale. E poi voglio scrivere quello che mi viene in mente e non di un altro argomento specifico.

Allora non c’è niente da fare, si torna a Medium.

La decisione è presa.
Ed eccomi a scrivere il primo articolo proprio sulle riflessioni che mi hanno portato a questa scelta e a condividerle con te che hai, o hai avuto, i miei stessi dubbi.

Penso di no, per scoprirlo continua a seguirmi su Medium e sul blog www.bertagna.it oppure registrati alla Newsletter per ricevere aggiornamenti.

Ciao,
Giovanni

  • Pubblicare tutti quegli articoli non inerenti all'argomento del blog personale;
  • Inserire link diretti al proprio blog per dare la possibilità, a chi legge, di approfondire e, perché no, indirizzare nuovo traffico verso lo stesso;
  • Testare nuovi argomenti che, se di successo, potrebbero diventare un nuovo blog;
  • Ultimo, ma forse il motivo principale, divertirsi a scrivere!

Seguimi su: Blog | Newsletter

Blogger a tempo perso; Fotografo per passione; Appassionato di Adobe Lightroom; Malato di tecnologia. Mi guadagno da vivere con tutt'altro!

Blogger a tempo perso; Fotografo per passione; Appassionato di Adobe Lightroom; Malato di tecnologia. Mi guadagno da vivere con tutt'altro!